Cina: sistema nazionale di valutazione del vino

Apr 22, 2022 | Informazioni | 0 commenti

La Cina ha avviato un sistema nazionale di valutazione dei vini che è stato adottato dal gigante cinese dell’e-commerce, JD.com. Rivolto a più di 300 milioni di clienti, il sistema è un’alternativa alle classifiche internazionali utilizzate dai principali critici.

l nuovo sistema di valutazione del vino, proposto per la prima volta due anni fa dalla China Alcoholic Drinks Association (CADA) – l’organismo ufficiale di regolamentazione per il vino, gli alcolici e la birra in Cina – è ora ufficialmente lanciato. I primi lotti di vini valutati utilizzando la scala sono in vendita sulla seconda più grande piattaforma di e-commerce cinese, JD.com, ai suoi 362 milioni di utenti attivi mensili.

Il sistema di classificazione, secondo la CADA, che difende il progetto, sarebbe più in sintonia e “più adatto” ai gusti dei consumatori cinesi di vino, il che permetterebbe alla Cina di avere più voce in capitolo nel modo in cui un vino viene degustato e offerto in questo mercato. In sostanza, rifiuta le norme internazionali.

Nell’annunciare il lancio, CADA scrive: “Gli attuali standard internazionali su cui ci basiamo esistono da molti anni. Con il tempo e l’evoluzione della società, non soddisfano più le nostre esigenze attuali. Per superare i problemi legati all’atto dell’acquisto del vino e per facilitare ai consumatori la decisione sulla sua qualità, abbiamo quindi lanciato un sistema cinese di valutazione del vino”.

Secondo uno studio dell’IWSR-Vinexpo, la Cina dovrebbe diventare il secondo mercato mondiale del vino per valore dietro gli Stati Uniti entro la fine dell’anno ed è attualmente al settimo posto tra i paesi produttori di vino.

Resta da vedere come i commenti saranno personalizzati per tenere conto dei gusti cinesi, un aspetto che ha bisogno di ulteriori chiarimenti, ma CADA insiste sul fatto che “non si concentrerà su note di mirtillo o fragola” ma sarà più su misura per “i consumatori cinesi con una dieta prevalentemente a base di cereali”.

Il nuovo sistema di punteggio condivide alcune caratteristiche con i metodi di valutazione del vino stabiliti a livello internazionale, come la valutazione del colore, del gusto, della struttura e del finale di un vino.

Tuttavia, in base agli estratti pubblicati da CADA – riporta il sito Vino Joy News – il sistema di punteggio utilizza 10 diversi criteri per giudicare la qualità di un vino, vale a dire chiarezza e colore; intensità; eleganza e delicatezza; complessità ed evoluzione; equilibrio della struttura; corpo; trama dei tannini (rosso); complessità; finale; qualità e tipicità.

Ogni categoria ha un massimo di 10 punti, e un vino può accumulare fino a 100 punti. Il punteggio è presentato come un grafico a radar con un punto finale senza una nota di degustazione. Su alcuni estratti pubblicati ci sono anche 20 diversi criteri di degustazione, ognuno con un massimo di 5 punti.

La domanda che molti importatori e cantine si pongono con l’annuncio della nuova scala è se tutti i vini commercializzati in Cina dovranno essere valutati con questo sistema. Contattato da Vino Joy News, Huo Xingsan, segretario responsabile del vino alla CADA, ha spiegato che il sistema di classificazione dei vini in Cina non è ancora obbligatorio né per i vini importati né per quelli di produzione nazionale. Tuttavia, è probabile che in futuro venga adottato come standard nazionale e industriale per la valutazione della qualità del vino, ha aggiunto, senza specificare le date.

Alla domanda su quale impatto avrebbe il sistema se diventasse uno standard industriale, Huo Xingsan ha detto: “Se diventa uno standard industriale, significa che sarà usato [dalle autorità competenti] in Cina per il controllo della qualità dei prodotti”, suggerendo che potrebbe alla fine diventare un requisito sia per i vini importati che per quelli nazionali venduti in Cina.

Al momento, non è chiaro se i vini con un rating inferiore a una certa soglia saranno autorizzati a essere esportati in Cina. Non è chiaro chi farà parte del comitato di degustazione, ma il primo lotto di vini è stato valutato da CADA e dal servizio di acquisto vini di JD.com in tre diverse località: Penglai nella provincia di Shandong, Chang Li in Hebei e Fangshan a Pechino, secondo CADA.

La sfida per qualsiasi degustatore e qualsiasi sistema di valutazione è di rendere il vino più comprensibile e accessibile al consumatore medio. Tuttavia, i critici si saranno resi conto che il nuovo sistema di valutazione, che seziona i vini secondo 10 diversi criteri a forma di ragnatela, non sembra essere il modo più eloquente per raggiungere questo obiettivo.

La notizia è stata accolta con cautela, in quanto rimane poco chiaro in questa fase come i vini saranno valutati e da chi. “Sostengo tutto ciò che promuove il vino di qualità in Cina e il nuovo sistema di valutazione, se usato correttamente, potrebbe essere un’altra soluzione”, ha detto il degustatore americano James Suckling, contattato da Vino Joy News. “Sono ovviamente felice che sia un sistema di punteggio di 100 punti, perché questa rimane la scala più accettata nel mondo del vino ed è già ampiamente accettata in Cina e ovunque in Asia. Lo uso dalla metà degli anni ’80 come critico di vini”.

Dopo aver esaminato i campioni segnati, il critico ha messo in guardia contro la sua attuazione. “In realtà, l’uso del sistema sembra complicato e richiede molto tempo e la sua precisione e utilità dipenderà da chi lo usa e se lo usa correttamente. Questa sarà la sfida.

Fonte: Federvini

Cantine Italiane

Esistiamo per la promozione delle cantine e dei prodotti vitivinicoli italiani, non esitare a contattarci per ricevere informazioni sui mercati esteri e su come entrare nella commercializzazione dei tuoi prodotti nel mondo.

Telefono

Italia - (+39) 0935 22599

Shangai - (+86) 555 445 55445

Il vino italiano all'estero